Pseudowintera Colorata, la cura Maori contro la candida

Pseudowintera Colorata, la cura Maori contro la candida

La Pseudowintera (Horopito) era considerata dai Maori un potente strumento di interazione con il mondo degli spiriti.
I tohumga, cioè gli uomini dediti alla medicina,la usavano per allontanare gli spiriti maligni, portatori di malattia.
Le foglie accompagnavano i defunti nel loro ultimo viaggio.
Nella medicina tradizionale Maori l'Horopito era considerato il rimedio principe contro i problemi della pelle, le malattie veneree e le infezioni da Candida.
Sappiamo che tra gli indigeni della Nuova Zelanda, fino a tempi recenti, la candidosi era molto diffusa, soprtatutto tra i bambini, a causa di una dieta spesso insufficiente che determinava squilibri alimentari.
L'unica possibilità di cura contro l'Haka, il nome Maori della Candida, era rappresentato dalla Pseudowintera.

Horopito, pianta della tradizione maori

La Nuova Zelanda ha sviluppato una flora molto particolare.
Il lungo isolamento ha favorito la comparsa di specie autoctone, con caratteristiche originali e interessanti.
Tra le piante più importanti per la fitoterapia moderna si annovera sicuramente la PSEUDOWINTERA colorata, già conosciuta e utilizzata da Maori come rimedio depurativo, antiparassitario.

La pianta di HOROPITO, come la chiamano i Maori, si è imposta all'attenzione degli specialisti occidentali sopratutto per le sue proprietà antimicotiche, ma solo negli anni sessanta è stato isolato il principio attivo della Pseudowintera.
Si tratta del POLYGODIAL, una sostanza dotata di una potente azione antimicotica e antiparassitaria.
La pianta si serve del polygodial per difendersi dalle infestazioni, ma l'attività antimicotica si estende anche verso i funghi che causano infezioni negli esseri umani, come CANDIDA ALIBCANS e TRICOPHYTUM.

In seguito si è scoperto che questo vegetale contiene altri composti attivi contro i funghi, che agiscono in sinergia con il Polygodial.
Siamo di fronte ad una preparazione naturale i cui ingredienti non devono essere separati ma utlizzati in sinergia, come accade spesso nel mondo delle piante: l'insieme è meglio delle parti.
La cura fitoterapica , infatti, prevede l'assunzione di estratti, che agevolano l'assorbimento dei principi attivi.

Di recente è emerso che l'Horopito contiene una buona quantità di flavonoidi a elevato potere antiossidante.
Ancora una volta non è un caso: i flavonoidi, presenti in alcuni vegetali, conferiscono protezione contro l'azione dei radicali liberi, cioè sono alcuni degli strumenti di difesa utilizzati dagli organismi viventi per resitere alle aggressioni esterne.
Quello che è vero per gli esseri umani è vero anche per le piante: la Pseudowintera è una specie molto antica, risalente a 65 milioni di anni fa.
Di fatto è un fossile vivente, una tra le prime piante da fiore comparse sulla Terra.

Un nemico naturale della candita

Pseudowintera colorata
Pseudowintera colorata

La CANDIDA è un fungo microscopico che colonizza le mucose del tratto gastrointestinale, della vagina, del cavo orale.
In condizioni normali il fungo non causa disturbi di alcun tipo, ma in alcuni casi (stress, abuso di antibiotici, deficit immunitari, squilibri ormonali) prolifera in modo eccessivo dando origine alle caratteristiche lesioni della candidosi, che appaiono spesso in bocca o a livello dell'apparato gentitale femminile.
A questo scopo sono reperibili in commercio prodotti a base di Pseudowintera in capsule, da assumere 1 o 2 volte al giorno dopo i pasti.
Per potenziarne l'azione vengono associati ad altri componenti come la VITAMINA C, l'ANICE VERDE o il LACTOBACILLUS ACIDOPHILUS, di cui si riconosce l'effetto preventivo e terapeutico contro le vaginiti.

Articolo più recente Agosto, la fine dell'estate
Articolo meno recente Luglio, nel cuore dell'estate