n°10 Sentirsi amati

Gocce 50ml - Flacone

€29,00

Scrivi una recensione e ottieni un buono sconto
Spedizione gratuita per acquisti maggiori di 50 euro!

Sentirsi nuovamente amati

Problema: Separazione dagli affetti
Parola chiave: Congiunzione / Riunificazione

Sentirsi abbracciati nell'affetto dei nostri cari

Quando veniamo al mondo riconosciamo noi stessi nell'affetto ricevuto dai nostri cari, le carezze della madre sono un nutrimento, tanto quanto lo è il latte materno. Ogni volta che ci separiamo dall'affetto di una persona cara si apre una ferita nella nostra identità che causa un vuoto. La sua manifestazione biologica è un'aumentata sensibilità cutanea, ovvero del tatto, che come un braccio teso, si estende alla ricerca dell'affetto perduto.

Questo rimedio è una guida che ci aiuta a richiudere la lacerazione creata dalla separazione da un affetto.

Questo problema ha origine dal distacco di un contatto fisico da una persona amata o da un affetto (es.: animali domestici). Non sempre ne siamo consapevoli, anzi può succedere di considerare con freddezza l'affetto da cui ci siamo separati, allo scopo di ridurre la sofferenza generata dal distacco. Biologicamente il nostro organismo tende ad un aumento di sensibilità, sia emotiva che cutanea.

A livello psichico non ci si sente amati, si ha un forte senso di nostalgia e lontananza. Le persone coinvolte da questo problema sono spesso caratterizzate da una forte sensibilità. Lontani dal nostro centro vitale ci sentiamo spaesati, avvertiamo la perdita del nostro ruolo soggettivo e sociale con tendenza a sviluppare un'identità parziale.

La persona vive uno stato di profonda tristezza e una mutilazione nel proprio senso di identità. La manifestazione degli squilibri associati al problema è l'arrossamento, la depigmentazione e l'aumentata sensibilità nelle aree interessate.

Organi e tessuti coinvolti nel problema

Epidermide, capelli, peli, periostio, seno e dotti lattiferi, occhio (palpebra, congiuntiva, cornea, cristallino), seno sinistro (separazione o preoccupazione per figli, madre), seno destro (separazione o preoccupazione per partner, padre). L'epidermide è la parte della pelle innervata sensibilmente ed i disturbi si manifestano generalmente tramite un aumento della sensibilità nelle aree interessate, spesso con rossore e prurito.

Rimedio a base di:

  • Calendula
  • Enotera
  • Girasole

Azioni sul piano fisico

Coleretica e stimolante della cellula epatica, emmenagoga, antinfiammatoria, eudermica, riepitelizzante, antisettica, cicatrizzante, stimolante e calmante.

Riequilibrio sul piano energetico

Rinforza il centro vitale o "sole interiore", aiuta a superare barriere e distanze, incrementa il sentimento di protezione affettiva, favorisce l'integrazione col proprio io maschile e femminile.

Utile in caso di

Uso orale

  • Psoriasi
  • Eczemi
  • Arrossamenti cutanei e palpebrali
  • Eritemi
  • Fitte al seno (sine causa)
  • Congiuntivite
  • Affezioni della cornea e del cristallino
  • Calazi
  • Orzaioli
  • Aumentata sensibilità cutanea
  • Insufficienza epatica
  • Insufficienza e dolori mestruali
  • Congestione epatica
  • Scrofola
  • Oligurie
  • Ulcere gastriche e duodenali

Uso topico

  • Ulcere
  • Screpolature
  • Geloni ulcerati
  • Piaghe di ogni specie
  • Adeniti e mastite
  • Foruncolosi
  • Ascessi
  • Eczema
  • Dermatosi squamose
  • Acne
  • Impetigine
  • Scottature
  • Irritazione cutanea

Ingredienti

Alcool etilico, acqua, calendula (Calendula officinalis L.) fiori (soluzione idroalcolica) 2,961 g*, enotera (Oenothera biennis Scopoli) semi (soluzione idroalcolica) 4 mg*, girasole (Helianthus annuus L.) fiori (soluzione idroalcolica) 4 mg*, aromi alimentari.
* Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera: una dose giornaliera corrisponde a 2.7 g di prodotto.

<h3">Modo d'uso

Adulti: da 10 a 30 gocce tre volte al giorno prima dei pasti diluito in acqua.
Bambini: da 5 a 10 gocce due volte al giorno prima dei pasti diluito in acqua.