Come rientrare dalle ferie con nuova energia - Prima parte

Come rientrare dalle ferie con nuova energia - Prima parte

Dopo aver trascorso gli ultimi giorni delle tanto attese ferie estive, è ora il momento di riprendere gli impegni di casa, lavoro, scuola.

Partendo per le vacanze potremmo esserci lasciati alle spalle situazioni irrisolte, problemi in sospeso e ritrovarceli tali e quali al nostro rientro può avere su di noi un impatto più duro del previsto.

La mattina facciamo fatica ad alzarci e a darci una motivazione per affrontare la giornata.
Ci ritroviamo in un momento carico di stress e stanchezza, conosciuto come “sindrome da rientro” i cui sintomi sono spossatezza, mancanza di concentrazione, calo dell'umore e disturbi del sonno.

La causa sembra risiedere nell'asse ipotalamo-ipofisi-surreni, le principali ghiandole endocrine del nostro organismo responsabili della regolazione di molte funzioni cerebrali e muscolari.

L'alimentazione prima di tutto

L'alimentazione è la base ottimale per ripristinare le nostre risorse energetiche e potenziare gli effetti di una adeguata integrazione.

Sarà utile quindi consumare alimenti ricchi di magnesio e di potassio, due minerali fondamentali per contrastare la stanchezza fisica e mentale.

Potremmo ad esempio iniziare la giornata con una colazione dove siano presenti mandorle, noci, nocciole e magari i fichi, ricchissimi di magnesio.

Alpine Mint Bush (Prostanthera cuneata)

Per completare l'integrazione energetica possiamo poi fornire al nostro corpo alimenti ricchi di potassio come l'indivia, la rucola, la soia.

Cereali come avena, farro e grani antichi contengono invece il triptofano, un aminoacido essenziale coinvolto nella sintesi della serotonina, “l'ormone del buonumore”.

Direttamente dall’Australia…

L’Australia vanta alcuni degli esemplari floreali più antichi del pianeta.
Le difficili condizioni climatiche, un’aria relativamente priva di smog e l’energia antichissima che caratterizzano questa terra hanno fatto si che i fiori arrivati ai giorni nostri siano unici nel loro genere, per bellezza e potenza.

Alpine Mint Bush

Questo fiore bianco sfumato di lilla cresce a grandi altezze nelle zone alpine, rocciose e impervie dell'Australia e della Tasmania.

Alpine Mint Bush (Prostanthera cuneata)
Alpine Mint Bush (Prostanthera cuneata)

È utile per chi svolge attività impegnative, sentendo il peso di responsabilità, obblighi e doveri familiari che lo portano a momenti di grande fatica.
È un rimedio utile per le persone esaurite e scariche, agisce come rivitalizzante fisico e mentale, risveglia l'entusiasmo, la gioia e un rinnovato interesse per le proprie attività.

Macrocarpa

Raro eucalipto cespuglioso, ha frutti grandi e strani fiori rossi, i cui stami, al momento della fioritura, sbucano con forza dal seme.

Macrocarpa in tempi molto rapidi, ricarica, aumenta l'energia e la vitalità, rinforza l'organismo.
Agisce come ricostituente nei momenti di stress.
Questa essenza floreale svolge una azione positiva sulle ghiandole surrenali e sul sistema immunitario, indeboliti a causa di una eccessiva produzione di cortisolo.

Banksia Robur

È un arbusto forte e resistente, che cresce negli acquitrini costieri della zona meridionale dell'Australia. I suoi fiori, molto particolari sono a forma di spiga.

Banksia robur è in grado di infondere allegria e gioia di vivere alle persone momentaneamente stanche, deluse, aiutandole ad uscire dalla palude in cui si sentono affondare, migliorando anche il tono dell'umore.
Si tratta di persone normalmente attive e dinamiche che stanno attraversando un periodo particolarmente difficile, che hanno consumato le loro energie ed ora provano un senso di stanchezza, impotenza e avvilimento.

Nel trattamento della “sindrome da stanchezza cronica”, un disturbo sempre più diffuso nel mondo occidentale, Banksia Robur svolge una funzione di sostegno attivando l'energia vitale.

Articolo più recente Come rientrare dalle ferie con nuova energia - Seconda parte
Articolo meno recente 3 rimedi naturali per combattere la cistite